Scegliere l’abito da cerimonia: ma chi ce l’ha fatto fare?

Ricevere un invito a nozze è sempre un momento emozionante, specie se a sposarsi è la vostra amica di sempre o una persona cara. Certo, a volte succede che siate invitate al matrimonio di quel vostro lontano zio che non vedete nemmeno a Natale, di cui a malapena vi ricordate il nome e la cui futura moglie non avete mai visto nemmeno in foto. Questo è un po’ meno emozionante.

In entrambi i casi, comunque, una volta accettato l’invito, non potrete che domandarvi: come mi vesto?

Prima di proseguire, vorrei premettere che con questo articolo non vi aiuterò a capire come scegliere un abito da cerimonia. Quelle come me, senza una particolare attitudine a seguire per forza le mode, quelle che, sì, ci piace vestirci carine ma senza strafare, quelle che hanno tanti vestiti nel guardaroba, ma poi usano sempre gli stessi dieci capi a cui sono affezionate abbinandoli in mille modi, quelle che non si definiscono fashion victim, ma che un pochino vanno lo stesso a sbirciare i profili social delle fashion bloggers così giusto per farsi un’idea, sono quelle che quando devono scegliere un outfit per un’occasione più o meno importante hanno inevitabilmente un primo momento di smarrimento.
Quindi, se anche tu sei un po’ come me, ti sentirai meno sola alla fine della lettura. Se invece sai esattamente come scegliere l’abito perfetto per ogni occasione in tre semplici mosse, ti prego contattami e aiutami!

Veniamo a noi: parteciperò a due matrimoni quest’anno, a entrambi con molto piacere.
La mossa numero uno in questi casi per me è allertare tutte le amiche, sguinzagliando soprattutto quelle che lavorano nel settore. Da lì in poi è tutto in discesa. Nei giorni successivi il tuo cellulare sarà una notifica continua di chi ti manda le foto dei nuovi arrivi del negozio in cui lavora, chi si è appena fatta un giro in centro e ti ha fotografato tutte le vetrine, chi ti chiede orario e luogo della cerimonia per capire se sia più adatto l’abito lungo o corto (come siete professionali voi), chi cerca online e ti inoltra gli screenshots chiedendoti “ma volevi una cosa più così oppure così?”.

Ah, amiche… Quante soddisfazioni mi date!

Una volta collezionato un considerevole numero di opzioni e suggerimenti, arriva il momento di scegliere. No, non intendo il vestito. Per quello è ancora troppo presto. Bisogna scegliere se iniziare a girare per negozi o se acquistare online. In passato preferivo il negozio. Stavolta no. Stavolta mi sono convinta che troverò il mio abito perfetto comodamente seduta sul mio divano. Ormai è una questione di principio, ce la devo fare.

Così, inizi a sfogliare cataloghi su ogni negozio online e sito di e-commerce, tanto che di alcuni conosci la collezione a memoria. Colori, lunghezze, taglie, scollature, cerniere.
Questo mi piace, ma lo vorrei di un altro colore. Questo sarebbe bello, peccato che dietro ha mezzo metro di strascico e non mi va di andare a pulire il pavimento con il mio vestito. Questo è orribile, ma chi vuoi che se lo compri? Bellissimo questo, ah ma non c’è la mia taglia. La prima settimana trascorre così.

Poi un giorno lo vedi. È lui. Color blu navy, dice la descrizione. Non era il colore che ti aspettavi di indossare (anche perché non avevi la più pallida idea di quale colore volessi indossare), ma già te lo vedi addosso. Senza esitare un secondo di più lo aggiungi al carrello e lo acquisti. Tanto il reso è gratuito e il rimborso è completo, pensi, al massimo lo restituisci. E menomale che il reso è gratuito, perché la settimana successiva il gentilissimo ragazzo del corriere suona il citofono e ti consegna un abito di due taglie più grande (ve lo giuro, è successo).
Cooosa? Eppure avevi controllato bene, avevi selezionato la taglia giusta. Infatti! Ma non ti eri accorta che le taglie internazionali sono un intricato groviglio di trabocchetti secondo il quale se scegli una taglia EU40 stai comprando un capo di taglia 44 italiana. Ma perché??
Comunque, non ti scoraggi, lo riponi nella confezione facendo finta di ripiegarlo bene, lo restituisci e ne acquisti un altro stavolta conoscendo a memoria tutte le conversioni delle taglie internazionali. E quando finalmente arriva quello giusto sei soddisfatto quasi come se non l’avessi pagato tu e fosse un regalo.

Davvero ragazze, l’abito mi piace davvero tanto e non vedo l’ora di indossarlo. Volete sapere dove l’ho acquistato? Su ASOS (www.asos.com). Dopo tanto cercare ha vinto lui.

Non ho ancora né scarpe, né accessori ma mi rimane ancora un po’ di tempo e per quel tipo di acquisto mi piace girare per i negozietti o i mercatini e cercare l’orecchino giusto o il bracciale che si abbini alla perfezione. Credo che andrò presto a fare un giro da Marta a Ivrea (TO), da Destinazione Accessori (la trovate su Instagram: destinazione_accessori).

Ora non mi resta che mettermi comoda e iniziare tutto da capo, perché come vi avevo detto all’inizio, quest’anno avrò due matrimoni!

Rating: 5.0. From 5 votes.
Please wait...