DECLUTTERING: l’arte di eliminare il superfluo per vivere meglio.

Qualche settimana fa ho avuto il piacere di partecipare ad un corso professionale di riorganizzazione del guardaroba tenuto dalla bravissima Elena Dossi, professional organizer e persona deliziosa oltre che molto competente. Devo dire che è stata, passatemi il termine, un’esperienza illuminante e stimolante, che mi ha fatto conoscere la filosofia del DECLUTTERING, ovvero l’arte di eliminare ciò che di superfluo e ingombrante accumuliamo nelle nostre case e, a volte, anche nelle nostre vite. Fare pulizia o (come diceva la mia cara nonna Olimpia) il repulisti, aiuta a riappropriarsi di spazio e soprattutto di tempo per sé che si può dedicare in maniera più costruttiva a quello che ci piace e ai nostri affetti.

Il concetto è tutt’altro che banale e può essere applicato in molti ambiti differenti, anche nell’organizzazione professionale.

Si parte dal guardaroba, come ambiente della casa con cui veniamo a contatto nell’immediato la mattina per prepararci ad uscire, e che è spesso fonte di insoddisfazione e nervosismo quando è caotico e disordinato, facendoci perdere tempo utile. Il metodo mi ha talmente incuriosito che ho voluto approfondire l’argomento con una lettura teorica e pratica, facilmente applicabile con successo a casa propria. Devo dire che, dopo aver finito il libro, la voglia di applicare la teoria mi è venuta, partendo da piccole aree della casa come i cassetti del comò o il comodino: pian pianino si prende la mano e la fatica viene ripagata da un senso quasi liberatorio e di sollievo che viene dall’ aver eliminato un po’ di caos.

Non sono mai stata una maniaca dell’ordine e tanto meno una persona minimalista, anzi, se proprio devo dirla tutta, le case troppo asettiche e ordinate mi hanno sempre dato l’idea di non vissute perché prive di una propria storia ed identità. Per carità, belle da vedere sulle pagine di una rivista, ma fredde, quasi rispecchiassero delle mancanze anche emotive dei proprietari. Per cui sì all’ordine e alla pulizia per mantenere un’ambiente piacevole e rilassante, ma senza le esagerazioni alla Marie Kondo (autrice del famosissimo testo “Il magico potere del riordino”) del tipo butta via tutto: dai libri che hai già letto (sacrilegio!) alle foto (memoria storica del nostro mondo) e via discorrendo, probabilmente vi direbbe di far fuori anche il marito!

Stiamo parlando di superfluo quindi ognuno deve valutare che cosa lo è nel proprio ambiente casalingo, che cosa occupa posto e assorbe energie senza un valido motivo. Sicuramente un buon metro di giudizio è quello di valutare se l’oggetto in sé ci piace ancora, serve a quello a cui era atto, non è un doppione. Poi si passa ad una valutazione più emotiva-sentimentale pensando a quello che ci evoca: un ricordo, una ricorrenza, una persona e se è un’emozione positiva, altrimenti siamo più che giustificati a liberarcene. Liberarsene non vuol dire necessariamente buttare, bensì dargli una nuova vita regalandolo a chi ne può aver bisogno, vendendolo per ricavarne qualcosa oppure trasformandolo. Quello che per noi è superfluo potrebbe essere invece utile a qualcun altro, no?! Se l’argomento vi ha incuriosito e volete saperne di più vi consiglio qualche lettura a tema, facilmente reperibile su Amazon:

Decluttering. Il segreto del riordino
Ogni cosa al suo posto
Via la polvere dalla casa e dalla mente
Apartment Therapy: Come portare equilibrio, salute e benessere nei propri spazi

Visitate il sito internet: www.rinchiudetely.it e la pagina facebook Rinchiudetely di Elena Dossi per avere spunti e idee utili per la vostra casa.
E se volete un’idea per un regalo di Natale originale e utile, acquistate le sue carte “Non farti il mazzo”: 30 carte con suggerimenti semplici e pratici per passare subito dalla teoria alla pratica divise in 6 sezioni. 4 sezioni sono dedicate all’organizzazione di un ambiente specifico della casa: armadio, cucina, bagno e ufficio. Una sezione jolly con consigli e idee che possono essere applicati a qualunque ambiente e per finire una sezione “Tocca a te” con piccoli esercizi da mettere subito in pratica. Saranno disponibili dal 1 dicembre e acquistabili on line direttamente dal sito.
Adesso se vi siete documentati, non resta che mettersi all’opera: buon lavoro a tutti!

Rating: 5.0. From 4 votes.
Please wait...