Cucineria Berlicabarbis: come tornare bambini tra ottimo cibo e altalene

Leragazzedeltulle ormai le conoscete, Inga ce ne ha parlato. Quello che forse ancora non conoscete (o forse si?) è il luogo che abbiamo scelto per la nostra serata di incontri, chiacchiere, nuove conoscenze, leggerezza e sorrisi. Detta così, sembra davvero che viviamo in un mondo incantato e come ben sapete non è così, ma la nostra serata insieme è stata davvero un piacevole ritaglio dalla frenesia di tutti i giorni.

Noi siamo in 8, loro sono in 6. Non penso di svelarvi niente di nuovo se vi dico che le donne quando organizzano un incontro sono complicate. E se le donne in questione sono 14… iniziate a tremare perchè ad oggi non esiste alcun calendario che riporti una data in cui saranno TUTTE disponibili. E infatti, eravamo in 10. Mi sembra un ottimo traguardo, comunque. Pacca sulla spalla, brave noi.

Dopo varie (innumerevoli?) proposte di date, orari, controllo degli impegni, congiunzioni astrali favorevoli e scambi di messaggi in cerca del giorno perfetto, noi buttiamo lì un “giovedì sera orario aperitivo” e loro rispondono “ci sarebbe quel locale con le altalene che vorremmo provare”.

Cinque minuti dopo avevamo prenotato un tavolo per 10 persone, ore 20, alla Cucineria Berlicabarbis.

Questo bistrot torinese si trova in Via Parma 61, nel quartiere Regio Parco. Locale molto particolare dall’arredamento originale e innovativo, aperto nell’agosto 2017 a pochi passi dalla torteria Berlicabarbis2. Siamo riuscite ad avere tutto per noi il tavolo centrale, quello con le altalene. Sì, le altalene. Sì, vere. Sì, coloratissime.

Appese al soffitto con delle corde, le altalene sono le uniche sedute attorno a questo enorme tavolo in legno. Un luccichio negli occhi di tutte appena ci hanno detto “quello è il vostro posto, accomodatevi”.

Il menu della Cucineria offre una selezione molto interessante di antipasti, primi e secondi per chi volesse cenare in modo classico. È aperto anche a pranzo dalle 12 e secondo me è un ottimo posto per una pausa pranzo (ho già in mente un paio di amiche con cui vorrei tornare perché so che apprezzerebbero da morire), ma anche per un pranzo di lavoro meno “incravattato”, molto alternativo e sicuramente unico.

Il mood della nostra serata, però, era più da drink, chiacchiere e stuzzicherie. Così abbiamo optato all’unisono per il menu tapas (drink e tapas, appunto, a 15 euro).

Le nostre tapas prevedevano una porzione a testa di affettati misti, formaggi accompagnati con miele, carne cruda, due tipi di bruschette (quelle con pomodoro e melanzane mamma mia quanto erano buone!) e verdure fritte in pastella.

I drink al nostro tavolo si sono divisi in due sole grandi categorie: da una parte chi ha scelto “affinità elettive”, un cocktail con cachaça, bitter al cardamomo e sciroppo di birra; dall’altra chi ha optato per il “vorrei ma non posso”, alla vista un normale mojito, al gusto un freschissimo cocktail analcolico. Vi rendete conto che eravamo in 10 e siamo riuscite a ordinare quasi tutte lo stesso drink? Alla prima che ha ordinato un “Affinità elettive” è seguita una lista di ANCH’IO – ANCH’IO! Non siamo sempre così prive di personalità, è solo che quei due drink hanno attirato la nostra attenzione. Per scomodare Goethe ne deve valere la pena, e infatti era squisito!

Tra le chiacchiere tipiche di due gruppi di donne che si incontrano per la prima volta, la serata è volata via veloce come un giro sull’altalena al parco giochi e noi, affascinate da questo posto un po’ magico, ci siamo ripromesse di tornare al più presto, magari in un altro momento della giornata per goderci un pranzo o un brunch e viverlo in modo diverso.

Trovate la Cucineria Berlicabarbis su Facebook e Instagram.

Rating: 5.0/5. From 4 votes.
Please wait...