Guida poco che devi bere!

Ricordato da sempre come compagno di Tabacco e di Venere, Bacco rappresenta una delle gioie della vita. Ma è appannaggio esclusivamente maschile? Assolutamente no!

I corsi di sommelier ormai vedono impegnate più donne che uomini, nelle enoteche/vinerie le Signore col calice importante le trovi all’Happy Hour con il Traminer o il Cartizze, all’ape con le amiche con lo Sciacchettrà e la Falanghina o in pausa pranzo accompagnate da un Franciacorta per un brunch di stile.

Amiche, è il momento di ricordarvi che, certo, l’uomo si cattura con un battito di ciglia, un bel decolté o uno spacco assassino, ma viene ancora meglio se accompagnate il tutto con un calice di classe.

E oggi è tempo di qualche suggerimento, per fare di un piatto importante, cucinato con arte, un compendio di gusti e di profumi completo.

Per l’ape col tuo lui hai certo contezza dei suoi gusti se ama le bollicine o il vino fermo. E se ama il Franciacorta con un Cà del Bosco (Storica Enoteca del Centro Biella) puoi ottenere lo stesso effetto di un tacco 12 a stiletto.
Se ama il fermo, osa con un Chateau Brigands Blanc di Provenza e potrebbe anche sorvolare sulle pizzette un filo troppo cotte. Un Bergerac Rosé Domaine de Pécoula (entrambi Cave di Roi Biella) sposerà perfettamente il rollè di salmone o il finger food di riso venere e gamberetti. E nello slancio lo sbilancerai a prometterti un tour milanese nel quadrato della moda!

Come primo, i tagliolini bronzati alla bottarga di Cabras e pomodorini datterino, spolverati di un’ombra di polvere di uova di muggine, incontreranno un Traminer Sauvignon Siciliano impareggiabile, il Kiké (Cave du Roi Biella).
E se invece preferisce gli insuperabili agnolotti di Fassone della Gastronomia Mosca (Biella)? Allora conquistalo con un Ruchè Lacento di Castagnole M.to (Enoteca Roccavilla Biella), per un connubio che ti garantirà un cadeau di coccole prima di notte!
E se non ama le sfumature amabili, ecco uno spettacolare Aglianico del Vulture, lo Stupor Mundi (Cave di Roi) che puoi abbinare a una costata di Angus o un controfiletto di Fassone. Gusto pieno e ricco ma sempre raffinato con cui puoi negoziare tranquilla le prossime ferie…

Restano i dolci, e ti puoi sbizzarrire, ma un omaggio ai francesi non può mancare: l’incanto della Torta Novecento di Balla (Ivrea) o la Meringata di Frutta di Coggiola (Biella), ma pure un semplice confit di ciliegie a glassare un gelato di crema, diventano magia con un Ruinart Champagne Brut (Enoteca Scamuzzi Sandigliano).
E se preferisce i passiti o i muffiti? Non dimenticate il nostro Cantagal del Barni (Scamuzzi) o un Sauterne Chatea de Sant’Helene (Mondo Vino Biella) con cui sposare formaggi forti o cioccolata al peperoncino delle americhe (cioccolateria Colle Biella). E l’effetto notte è garantito. Meglio di qualunque negligé!

Perché, ricordiamocelo, il vino è l’amico delle donne. E quantità e qualità, amiche care, nell’attenta misura del vino come in quella di una mini, dipendono dall’obiettivo che si vuole ottenere!

Rating: 5.0/5. From 2 votes.
Please wait...