Halloween sì, Halloween no?

In questi anni abbiamo tutti assistito all’ evoluzione della festa di Halloween in Italia, fino alla quasi totale inclusione tra gli appuntamenti fissi annuali.

L’anno scorso avevamo già trattato l’argomento nel mio articolo http://www.collettirosa.it/2017/10/31/happy-halloween-che-ci-piaccia-o-no/

Se mi ritrovo nuovamente a parlarne è perché, rileggendo le mie parole di allora, mi è venuto da ridere al passaggio in cui dicevo:

“Magari (e sottolineo MAGARI) si riesce ad evitare la processione “Dolcetto o scherzetto?”, ma qualcosa ti ritrovi comunque a farla.”

Ecco, il “magari” sottolineato cascava proprio come il cacio sui maccheroni, perché quella stessa sera, inaspettatamente, mi sono ritrovata a passeggiare per le vie del nostro quartiere con altri 15 bimbi (compagni di classe di Peste 1) e relative mamme, bussando alle porte dei negozi.

Essendo per me una cosa abbastanza nuova, mi ero già preparata a reazioni indignate di esercenti ed eventuali clienti disturbati dall’ inevitabile caciara di zombie e streghe in erba.

Invece no.

È stata un’esperienza a cui hanno davvero partecipato tutti, per la quale titolari e commessi si sono fatti trovare decisamente preparati: ad attendere i bimbi c’era una quantità impressionante di caramelle, cioccolata, piccoli regali e, addirittura, un cono gelato per tutti in una caffetteria piuttosto nota della zona (Willy Wonka, levate proprio…)

Per i bambini è stata una festa esagerata, seguita inevitabilmente da qualche mal di pancia  🙂 ; per il quartiere, un momento di divertimento in cui tutti hanno condiviso la gioia dei bambini (e anche di ragazzi più grandicelli che non hanno saputo resistere al richiamo dell’horror!).

Per noi mamme che accompagnavamo la “processione” una scusa per fare due chiacchiere, buttare un occhio alle vetrine ed approfittare per indossare, senza alcun ritegno (vorrai mica passare per guasta-feste?), accessori improbabili (“cosa? Ahh sì… questo cerchietto con le zucche luminose? Noo… è di mia figlia… solo che le dà proprio fastidio… lo tengo io solo per questo…”).

Insomma amiche mie, non dico di farvi promotrici dell’iniziativa, ma se vi capita di essere invitate a qualcosa di simile (magari, come nel nostro caso, organizzato tra compagni di classe), vi suggerisco di non partire prevenute, la cosa può essere molto meglio di quanto si creda!

E se sarà nel tardo pomeriggio, non dovrete nemmeno preoccuparvi di preparare la cena per i vostri pargoli: non saranno particolarmente affamati… garantito! 🙂

P.S.: avrei voluto arricchire l’articolo con delle fotografie ma, per motivi di privacy di tutti i bimbi coinvolti, non mi è stato possibile farlo.

 Link agli accessori improbabili  (ma sono certa che saprete trovarne anche tanti altri 🙂 ):

Cerchietto Pumpkin

Cerchietto per capelli con antenne

Cerchietto con fantasmi

Mini Cappello da Strega su Cerchietto

Cappello da Strega con Tulle

Rating: 5.0/5. From 2 votes.
Please wait...