Il disagio personale

Carissime e Carissimi,

oggi vorrei discutere con voi del disagio personale. Provo a chiarire il concetto: vi è mai capitato di sentirvi fuori luogo? Di provare quella sensazione di malessere verso la situazione e/o le persone che vi stanno accanto? Eh sì… almeno una volta nella vita è successo a tutti; ecco il disagio che definisco “personale”.

Credo sia una questione caratteriale, per cui se si è introversi e timidi saranno più frequenti situazioni dove ci si sente inadeguati, mentre se si ha un carattere deciso e forte, le probabilità scendono drasticamente.

L’età è un fattore importante: provate a ricordare quante volte, da adolescenti, vi siete trovati a disagio in circostanze che, da adulti, non vi fanno più alcun effetto.

Come superare questa difficoltà? La parola chiave è: gestire! 

Gestire la situazione, gestire l’emozione positiva o negativa che sia, gestire se stessi.

Ad esempio, una delle mie più grandi difficoltà era parlare in pubblico, non perché fossi incapace di esprimermi, ma perché mi preoccupavo di potenziali giudizi negativi. Oggi non vivo più questa “afflizione”, ho imparato che ogni commento è importante, e che dai giudizi negativi si può imparare molto. E poi diciamocelo: non si può piacere a tutti.

Il mio obiettivo non è più essere apprezzata, ma trasmettere in modo corretto, leggero e lineare anche il concetto più complesso.

Vi consiglio di “esprimere” sempre il vostro giudizio: se pertinente e se espresso in modo corretto, vedrete che sarà ben accetto.

Nei momenti in cui si prova quella sensazione di imbarazzo, in cui il battito cardiaco aumenta e respirare diventa difficile, bisogna fermarsi un istante e analizzarne il perché, quello vero, andare in fondo alle proprie emozioni e affrontarle. Cercate di capire se la causa è la persona che avete di fronte, o il ruolo che ha nei vostri confronti, oppure se vi sentite così perché siete poco preparati sull’argomento trattato, o se siete in una situazione scomoda dovuta al fatto che dovete comunicare un messaggio spiacevole per chi vi sta di fronte.

Analizzate nel profondo la motivazione del vostro disagio personale e, se non riuscite a farlo proprio nell’istante in cui lo state vivendo, fatelo successivamente, ma fatelo. Solo così potrete capirne l’origine e affrontarla; vedrete che, se doveste rivivere la stessa esperienza, riuscireste ad affrontarla con un altro spirito e potreste stupirvi di voi stessi.

Se si elabora e si accetta “il disagio” e “la motivazione” che lo ha fatto scaturire, sarete più sereni con voi stessi e potrete affrontare al meglio situazioni analoghe.

Voi cosa ne pensate? Come lo affrontate oppure perché non riuscite a farlo?

Spero di esservi stata d’aiuto!

 

A presto…

Rating: 4.0/5. From 4 votes.
Please wait...