Il 2019 è appena iniziato e, per alcune di noi, è già iniziato il tour dei concerti per quest’anno. Personalmente, ho avuto il piacere di partecipare a quello di Marco Bianchi, in arte Cosmo, al Forum d’Assago a Milano.
Non ero mai stata ad un suo concerto anche se lo ascolto da tempo e devo dire che mi è piaciuto tantissimo. In realtà più che un concerto è stato un vero e proprio evento, una festa, che ha coinvolto i suoi fans da tutt’Italia. Come? Semplice: Cosmo insieme a Ivreatronic, DNA concerti e 42records, oltre al concerto ha organizzato un treno per permettere ai suoi fans di arrivare a Milano con partenza da Roma, un tram che ha girato per Milano il 27 gennaio dando un’anticipazione su cosa aspettarsi al concerto e un afterparty al Dude Club che si è tenuto dopo il concerto fino alle prime luci del mattino.
Il concerto si è svolto in tre fasi. Alle 18 ha iniziato a suonare Ivreatronic, il collettivo di dj e produttori eporediesi fondato proprio da Cosmo, in modo da scaldare l’atmosfera; alle 20 è stato il turno di Myss Keta e alle 21 è iniziato il vero è proprio concerto!

Quello del 2 febbraio è stato un evento del 2019 a cui meritava essere presenti, non solo perché vale sempre la pena andare ad un concerto ma anche perchè trovo sia il giusto modo di ricaricarsi, di staccare la spina per qualche ora, di sfogarsi e di cantare ad alta voce anche se sei stonato come una campana. In queste serate conta solo sentirsi vivi, cantare e ballare senza problemi in mezzo alla gente: è un vero e proprio senso di liberazione e di leggerezza.
Un’altra cosa “fichissima” di questo concerto è stato andarci in pullman, con altri ragazzi e i genitori/parenti di Cosmo! È stato bello vedere l’emozione negli occhi di sua mamma quando raccontava alcuni aneddoti della loro vita, vedere le nipotine elettrizzate di andare ad un concerto dello zio e la compostezza del papà. Ma la cosa più bella è stata alla fine del concerto stesso quando, durante i ringraziamenti, ho visto il nonno di Cosmo tra il pubblico. Credo che arrivare ad una certa età, e vedere tuo nipote su un palcoscenico, sia una delle cose più emozionanti di questo Mondo.

No votes yet.
Please wait...